gli eccidi

1945.3.28 Berceto

Militi fascisti presero possesso arbitrariamente dell’abitazione della famiglia Scauri. Fu subito chiaro ai presenti le loro cattive intenzioni per i modi e il linguaggio con cui i fascisti si rivolgevano ai proprietari. Nel pomeriggio, al termine dell’ennesima provocazione uno dei militi sparò e uccise a sangue freddo Giuseppina Scalza e la figlia Elisa accorsa dopo essere stata chiamata dal fratellino testimone dell’omicidio della madre; anche il ragazzo venne colpito da un proiettile che fortunatamente lo ferì solo ad un braccio. Sopravvisse a quella terribile quanto inspiegabile esperienza, potendo così raccontare ciò che era accaduto nella sua casa.

Scheda pratica per "1945.3.28 Berceto"
data 28/03/1945
Comune Berceto
Località capoluogo
Autore/i fascisti
Vittime 2 civili
Descrizione Giuseppa Calzi (madre di 52 anni) e Elisa Scauri (figlia di 17 anni
Riferimenti bibliografici/archivistici Vittorio Barbieri, La popolazione civile di Parma nella guerra ’40-’45, Parma 1975
Propietà articolo
data di creazione: venerdì 13 aprile 2007
data di modifica: venerdì 13 aprile 2007